Montichiari, sfruttati tra i volantini: 4 fermati

I datori di lavoro stranieri avrebbero pagato metà rispetto alla legge gli stipendi degli addetti che controllavano negli spostamenti. Anche multe.

Più informazioni su

(red.) Nuovo fenomeno di caporalato nel bresciano, ma stavolta non per i lavori nei campi, bensì nella distribuzione dei volantini pubblicitari. Succede a Montichiari e nei paesi vicini dove quattro persone, titolari di tre imprese, sono state denunciate. L’operazione condotta dalla Polizia Locale è stata presentata ieri, martedì 8 ottobre, coinvolgendo i quattro datori di lavoro e circa quattordici soggetti alle loro dipendenze, tutti stranieri. Per la maggior parte richiedenti asilo, piazzavano i volantini dei supermercati per una durata al giorno di 10 ore. Peccato che invece di guadagnare almeno 8 euro all’ora previsti dalla legge, ne prendessero meno della metà.

E non è tutto, perché i quattro pakistani, residenti tra le province di Brescia e Bergamo e tra i 39, 61, 31 e 27 anni e due fratelli tra di loro, ora denunciati per intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, tenevano il fiato sul collo dei propri dipendenti. Visto che il lavoro era molto, seguivano ovunque i loro addetti. E infatti i quattro sono stati beccati a poca distanza dai loro dipendenti. I lavoratori coinvolti sono 14, di cui 9 in nero, 4 regolari ma con le busta paga falsificate (accertate 2 ore di lavoro rispetto alle 10 che conducevano) e un altro era clandestino.

Per questo motivo uno dei datori di lavoro è accusato anche di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e l’addetto verrà espulso. Dall’operazione è anche emerso che gli addetti, tutti dai 20 ai 40 anni, si muovevano a bordo di un furgone e percorrendo ogni giorno fino a 40 km a piedi per distribuire volantini. E mangiavano a pranzo nel retro del mezzo oppure a terra. Sono tutti indiani, pakistani, bengalesi e nigeriani che avrebbero accettato quelle mansioni per aiutare le loro famiglie rimaste nei Paesi d’origine. Ora per i denunciati scatteranno anche multe da 7 mila fino a 43 mila euro per ognuno degli addetti senza contratto.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.