Via Lombroso, Antonio Gozzini non risponde a gip

Stamattina l'uomo è stato interrogato in carcere, ma si è avvalso della facoltà di non rispondere. Il suo avvocato ha chiesto di trasferirlo in psichiatria.

Più informazioni su

(red.) Antonio Gozzini, il 79enne accusato dell’omicidio della moglie Cristina Maioli nella loro camera da letto di via Lombroso a Brescia, non ha risposto alle domande del giudice delle indagini preliminari avvalendosi così della facoltà di non rispondere. La notizia è arrivata questa mattina, lunedì 7 ottobre, dal carcere di Canton Mombello dove Gozzini è detenuto e dove è stato interrogato.

Nel frattempo il suo avvocato ha chiesto allo stesso giudice di trasferire il proprio assistito nel reparto di Psichiatria dell’ospedale Civile di Brescia perché non sarebbe in grado di condurre la detenzione in carcere nella sua condizione di depressione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.