Isorella, incendio in un capannone della fabbrica Fly Flot

Ieri alle 19 le fiamme sono divampate da un macchinario andato in corto circuito in una delle sezioni della fabbrica. I danni da valutare e nessun ferito.

(red.) Nel tardo pomeriggio di ieri, giovedì 19 settembre, lo stabilimento di calzature Fly Flot di via dell’Industria a Isorella, nella bassa bresciana, è stato teatro del divampare di un incendio. E’ successo intorno alle 19 all’interno di uno dei capannoni dove un macchinario potrebbe aver subito un corto circuito. A quel punto è andato in fiamme e anche centinaia di calzature sono rimaste bruciate. I circa trenta operai che lavoravano in quei minuti hanno rispettato il protocollo aziendale e sono usciti all’esterno, mentre alcuni si sono portati avanti nell’usare gli estintori per cercare di ridurre la portata dell’incendio.

Sono stati anche allertati i vigili del fuoco, facendo muovere sul posto quelli da Brescia San Polo, Orzinuovi e da Castiglione delle Stiviere, in provincia di Mantova. Prima del loro arrivo era evidente da chilometri di distanza la colonna di fumo che proveniva dalla fabbrica, poi spenta nell’arco di alcune ore. Sul posto per sicurezza è giunta anche un’ambulanza della Croce Rossa di Calvisano, ma per fortuna nessun operaio era rimasto ferito. La produzione negli altri capannoni non intaccati è proseguita regolarmente, mentre in quello bruciato si dovranno contare i danni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.