Tribunale di Brescia sequestra 114 siti web pirata

Decreto del giudice che ha portato la Finanza di Brescia e Roma a oscurare decine di siti internet: in diretta e anche on demand contenuti in modo illegale.

Più informazioni su

(red.) Nei giorni precedenti a lunedì 9 settembre le Fiamme Gialle del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Brescia con il Nucleo Speciale Tutela Privacy e Frodi Tecnologiche della Guardia di Finanza di Roma, coordinati dalla procura bresciana, hanno individuato e bloccato 114 siti internet che offrivano, in diretta e illegalmente, eventi sportivi, film e serie TV coperti dal diritto d’autore. Si tratta dell’operazione “Free Football” messa in campo nei confronti degli Internet Service Provider attivi in Italia.

E per 114 domini web controllati sulla rete è stato emesso un decreto di sequestro preventivo da parte del giudice del tribunale di Brescia. Si parla di diffusione illecita, in modalità streaming in diretta e anche on demand, di partite di calcio e altri contenuti audiovisivi che sarebbero a pagamento e senza alcun accordo con il legittimo distributore. Tutti i siti riportavano veri e propri palinsesti organizzati, di immediata e facile accessibilità agli utenti, per facilitare la scelta del programma preferito.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.