Tempesta tropicale e vento a oltre 100 km/h

Brescia e provincia nuovamente colpita dal maltempo con grandine e raffiche di vento che hanno lasciato pesanti segni ovunque.

Più informazioni su

    (red.) Sembrava una furia, molto più simile a una tempesta tropicale che a un’acquazzone estivo. Nel tardo pomeriggio di lunedì 12 agosto, il fortunale che si è abbattuto su Brescia e sulla sua provincia, ha causato disagi e danni per decine di migliaia di euro. Un po’ ovunque, infatti, si registrano danneggiamenti e allagamenti causati da circa 15 minuti di pioggia misti a grandine scesi con una violenza assai rara – fino a qualche anno fa – a queste latitudini, accompagnata da folate di vento fortissime, che hanno sfiorato i 110 chilometri orari. Questo mese il maltempo aveva già violentemente colpito il nostro territorio, prima il 2 agosto, con una bufera che si era abbattuta sul Villaggio Prealpino e su Collebeato, poi l’8 agosto, con l’epicentro tra la Bassa e l’Ovest Bresciano; è stato Rudiano il paese maggiormente colpito. 

    12 AGOSTO, IL CIELO SI FA SCURO SCURO. Intorno alle 18,30 ha iniziato a soffiare il vento in città, e la pioggia è scesa a catinelle. Per precauzione i parchi sono stati chiusi (riapriranno alle 14 di martedì 13 dopo accertamenti tecnici), la metropolitana si è fermata per un black out e per la caduta di alcuni detriti sulla linea, mentre la forza del vento ha strappato parte della copertura in lamiera del Palaleonessa, che ospita le partite casalinghe del basket Brescia. 
    A causa dell’acqua caduta, alcuni sottopassi sono stati chiusi al traffico veicolare, e disagi lungo la strade sono stati segnalati, a decine, per la caduta di alberi e cartelli segnaletici. Nella zona Di Sanpolino alcuni pannelli fotovoltaici sono stati letteralmente strappati e catapultati in strada, a Sant’Eufemia due piante cadute hanno distrutto due veicoli. 

    “Situazione in evoluzione dopo il nubifragio che ha colpito la nostra città oggi nel tardo pomeriggio”, ha scritto il sindaco Emilio Del Bono su Facebook. “Sottopassi allagati, alberi caduti, la Metro rimane chiusa anche se la corrente è stata ripristinata. Tutta la macchina comunale è al lavoro per verificare i danni e aiutare nel ripristino delle situazioni in corso.
    Vigili del Fuoco, Protezione Civile, Polizia Locale. Si invita tutti i cittadini alla prudenza. Il cuore mi piange. Molti danni. Per ora, ed è un sollievo, nessun ferito segnalato. Tutti impegnati per intervenire nel più breve tempo possibile”. 

    IN PROVINCIA GRANDINE GRANDE 2 CENTIMETRI. E’ successo a Bedizzole, bombardata da chicchi e un vento che ha divelto cartelli e sradicato alberi. Anche a Rezzato, Mazzano e Castenedolo è toccata la stessa sorte. A Roncadelle due svincoli sono stati chiusi per caduta alberi e una palazzina è stata scoperchiata proprio davanti all’ex-President Hotel. A Orzinuovi la corrente ha funzionato a intermittenza fino a sera, così come a Comezzano e Castel Mella. 
    Disagi e danni anche sul basso Garda, tra Polpenazze e Padenghe, così come in Valsabbia. 

    Immagine presa dal gruppo Fb sei di Roncadelle

    Più informazioni su

    Commenti

    L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.