Operaio morto incidente a Segrate: autopsia

La salma del carpentiere Ivan Rossi tornerà la prossima settimana a Chiari per il funerale. Da capire cosa abbia ucciso il 46enne che guidava il furgone.

Più informazioni su

(red.) Sarà l’autopsia, disposta dal magistrato, a dare la parola finale su cosa abbia ucciso il carpentiere 46enne di Chiari Ivan Rossi nell’incidente mortale di giovedì 8 agosto a Segrate, in provincia di Milano. Era l’alba quando il bresciano, a capo di una cordata di altri operai formata da un altro bresciano di Chiari e cinque indiani, stava guidando il furgone verso il cantiere meneghino. Sarebbe stato uno degli ultimi giorni di lavoro con cui installare ferri e tondini per il cemento armato prima di un periodo di ferie.

Ma il destino nei confronti di Ivan Rossi è stato tragico. La salma del 46enne attende l’esame autoptico prima di tornare a Chiari per il funerale la settimana da lunedì 12 agosto. Gli altri feriti, invece, tutti con prognosi di 10 giorni per le ferite e fratture, sono stati dimessi dagli ospedali. La vittima nei prossimi giorni sarebbe dovuta partire per le vacanze.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.