Lumezzane, murales contro Matteo Salvini

Un gruppo di ignoti ha lanciato uova contro la sede della Lega in Valgobbia ed è apparsa una scritta contro il segretario nazionale.

Più informazioni su

    (red.) Nella notte tra martedì e mercoledì 7 agosto, a Lumezzane, un gruppo di ignoti ha lanciato uova contro la sede locale della Lega. E’ inoltre apparso un murales contro il segretario e vicepremier Matteo Salvini. “Non è la prima volta che Matteo Salvini viene offeso e insultato con murales osceni o maleducati, come non è la prima volta che una sede della Lega viene presa di mira dai vandali per lanci di uova o scritte e vernici. Attendiamo gli sviluppi e di ricevere conferme sull’accaduto ma, se si trattasse dell’ennesimo gesto vigliacco, non ci stupiremmo. Condanniamo questo avvenimento e ci aspettiamo che lo facciano tutti i rappresentanti politici locali, un conto è la polemica politica e un altro conto sono gli insulti e i vandalismi”. Lo dichiarano in una nota i parlamentari bresciani della Lega, Stefano Borghesi e Paolo Formentini. 

     

    “Nell’ultimo periodo il clima contro la Lega e Matteo Salvini è insolito, si potrebbe quasi dire incattivito: prima è stato imbrattato un muro con un murale che insulta il Ministro dell’Interno Matteo Salvini e ora sono state lanciate delle uova contro una delle due sedi della Lega qui a Lumezzane (frazione Gazzolo). Nelle prossime ore presenteremo un esposto alle forze dell’ordine per far presente questa situazione, sul nostro territorio certe situazioni non si sono mai verificate e per questo riteniamo opportuno segnalarle. Probabilmente il cambiamento che sta portando l’azione della Lega e di Matteo Salvini al Governo a qualcuno non piace e pensano che le soluzioni siano uova e murales”. 
    Lo dichiarano in una nota il Sindaco leghista di Lumezzane Josehf Facchini e il Segretario cittadino della Lega Adriano Rinaldi.

    Più informazioni su

    Commenti

    L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.