Maltempo mette in ginocchio la Bassa Bs e l‘ovest

Rudiano è uno dei paesi più colpiti dalla furia di ieri pomeriggio. 46 persone sono sfollate. Alberi caduti, edifici scoperchiati e allagamenti ovunque.

Più informazioni su

(red.) Neanche il tempo di raccontare la furia del maltempo che martedì sera 6 agosto aveva colpito Brescia e la Valcamonica e ora bisogna affrontare quanto avvenuto ieri pomeriggio, mercoledì 7, quando il maltempo ha provocato distruzioni nella bassa bresciana e nell’ovest. Con una forza tale che, secondo gli esperti, è tipica di quanto avviene sulle pianure americane nel momento di celle ad alto potenziale di energia. Tutto è accaduto nell’arco di pochi minuti, dalle 17,40 alle 18, con pioggia, vento e grandine che hanno fatto volare tetti, cadere alberi e provocare anche blackout. Il paese più colpito nella bassa è stato Rudiano dove si parla di edifici scoperchiati, alberi a terra, case in preda all’acqua, assenza di acqua potabile e niente energia elettrica almeno fino in serata. Tanto che 46 persone sono sfollate e hanno trovato ospitalità in casa di amici e parenti o negli alberghi.

Sono tutti residenti nelle vie Grumelli, Pace, Coppi e Turoldo che hanno presentato i problemi maggiori, tanto da indurre il sindaco Alfredo Bonetti a parlare di un paese distrutto. In ogni caso e per fortuna non si sono registrati feriti gravi. Tra questi, solo un uomo che è rimasto colpito dalle schegge di una finestra di vetro. Entrando nei dettagli, in via Pace è stata disposta la chiusura dopo che è crollata anche parte della torre dell’acquedotto su una casa e nessuno è rimasto ferito tra chi c’era all’interno. Disagi anche in via Grumelli e davanti alla scuola media in via Papa Giovanni XXIII dove il vento ha abbattuto un albero. Ma anche molte altre piante hanno fatto la stessa fine. Senza contare i fili della corrente elettrica strappati dal vento e lasciando il paese al buio fino alle 22,30, mentre oggi, giovedì 8 agosto, dovrebbe essere ripristinata anche l’acqua potabile.

Sono finite a terra anche le reti intorno al campo sportivo, danneggiati i pannelli solari della scuola media, problemi a un tetto della elementare e anche al cimitero. Una giostra in piazza Martiri della Libertà si è ribaltata e si valuteranno anche eventuali danni al Parco dell’Oglio. Una situazione drammatica che ha mosso i vigili del fuoco e la Protezione civile per mettere mano alle emergenze, mentre intorno alle 21 è arrivata nuova pioggia a peggiorare lo scenario. Ma come detto, il maltempo ha sferzato tutta la bassa e l’ovest bresciano, mentre oggi, giovedì, i vigili del fuoco verificheranno l’agibilità di diversi edifici. A livello dei paesi, Castelcovati si è ritrovata con venti case senza tetto, un centinaio colpite e diverse inagibili e con una serie di sfollati. A Castrezzato una situazione simile, oltre ad alberi caduti e persino il palazzetto dello sport che è stato scoperchiato.

Blackout di corrente elettrica e acqua a Comezzano Cizzago e danni alla biblioteca e al cimitero ora chiusi. A San Giovanni di Chiari altri tetti danneggiati, mentre a Trenzano sono state colpite la caserma dei carabinieri, la scuola elementare e l’asilo di Cossirano. Disagi anche a Urago d’Oglio dove si è allagato il sottopassaggio verso Rudiano e problemi anche al municipio e al castello. Disagi a Roccafranca tra abitazioni danneggiate e un furgone ribaltato, così come a Maclodio. Problemi simili anche a Dello, a Capriano del Colle e a Castenedolo dove un blackout ha lasciato il paese senz’acqua per due ore prima che A2a usasse un generatore di emergenza. Altri problemi si sono registrati a Leno, così come a Montichiari dove nella frazione Novagli gli alberi caduti hanno indotto a chiudere alcune strade. A Carpenedolo, invece, è stato scoperchiato il tetto di un’abitazione e una pianta è caduta sulla scala del santuario della Madonna del Castello. Ma anche danni al bocciodromo. Infine, disagi anche alla circolazione ferroviaria sulla linea Brescia-Milano a causa di alberi caduti lungo i binari per il forte vento e con il transito tornato regolare solo intorno alle 22.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.