“Passa la pasta”, il lato solidale di Palazzolo

Più informazioni su

    (red.) Si è concluso per il sesto anno consecutivo, in concomitanza con la chiusura dell’anno scolastico 2018-2019, il progetto “Passa la pasta”ideato nel 2013 dall’attuale Amministrazione Comunale di Palazzolo sull’Oglio e promosso e coordinato dall’Assessorato al Commercio e allo Sport e dall’Assessorato alla Pubblica Istruzione.

     

    Per questo anno scolastico (190 giorni), 15 sono state le famiglie che hanno potuto usufruire di pasti gratuiti: di cui 10 italiane, per un totale di 21 persone, soprattutto adulti (19 adulti e 2 bambini), e 5 straniere, per un totale di 20 persone, in questo caso soprattutto minori (9 adulti e 11 minori).

     

    Il totale annuo di pasti distribuiti è stato di 7.790, pasti che sarebbero finiti tra i rifiuti e che invece vengono recuperati dando un aiuto concreto e fondamentale a chi ha davvero bisogno, il tutto senza alcun costo per la collettività.

     

    “Passa la pasta” infatti è un progetto finalizzato al recupero del cibo non scodellato nelle mense scolastiche cittadine e rimasto integro, da distribuire a persone in condizioni di disagio; cibo che diversamente verrebbe smaltito come rifiuto.

     

    Diversi sono stati come sempre i soggetti coinvolti a diverso titolo, che hanno reso possibile il progetto: oltre all’Amministrazione Comunale e ai propri Uffici Comunali, la dittaEuroristorazione srl incaricata per la gestione del servizio di preparazione e distribuzione dei pasti nelle mense scolastiche cittadine, l’Associazione Cor Unum, onlus di riferimento del progetto, nonché i volontari di altre Associazioni locali che nelle cinque giornate di funzionamento del servizio si sono alternati: Croce Rossa sez. femminileSan Vincenzo, Caritas, Banca del tempo, Anche io nel terzo millennio e altri volontari non appartenenti ad alcuna Associazione. A coordinare il progetto il Sig.Enrico Strabla.

    Più informazioni su

    Commenti

    L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.