Polmonite e legionella, fiume Chiese la causa

Il ceppo di legionella isolato in tre malati è lo stesso di quello trovato nel corso d'acqua che scorre tra Montichiari e Carpenedolo. Lo scrive l'Iss.

(red.) Ora c’è la conferma ufficiale: la vasta epidemia di polmonite che nell’estate del 2018 ha contagiato circa 500 persone in tutta la bassa bresciana, provocando anche almeno tre morti, si è diffusa dal fiume Chiese. Lo scrive l’Istituto Superiore della Sanità nella relazione in cui parla di cause e del veicolo di diffusione del batterio. Nei campioni d’acqua prelevata dal fiume che scorre anche nella bassa è stato riscontrato lo stesso ceppo “modificato” del morbo del legionario isolato in tre malati.

E’ lo pneumophila sierogruppo 2 isolato anche nel tratto del Chiese tra Montichiari, Remedello e Carpenedolo. “L’agente è un sierotipo di legionella 2-14 che non ha mai dato epidemie di popolazione a livello mondiale e che ha comportato notevoli difficoltà di identificazione” scrive l’Agenzia di Tutela della Salute di Brescia in una nota diffusa ai Comuni coinvolti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.