Tentato furto a Coin ed evasione, finisce in carcere

Un 43enne armato di un coccio di bottiglia aveva seminato il panico nel supermercato di corso Magenta. Arrestato e ai domiciliari, scappa ma viene ripreso.

(red.) Nella notte tra giovedì 7 e ieri, venerdì 8 febbraio, gli agenti della Volante di Brescia sono stati impegnati in un intervento per fermare un uomo di 43 anni che era evaso dagli arresti domiciliari. Nei giorni precedenti il bresciano si era reso protagonista in negativo dopo essere entrato nel centro commerciale Coin di corso Magenta a Brescia, in città. I suoi intenti erano tutt’altro rispetto al fare acquisti e quando ha notato il personale della sicurezza ha estratto il collo rotto di una bottiglia di vetro con il tentativo di furto.

Dopo una colluttazione, l’individuo era stato fermato e si era ristabilita la tranquillità. E per l’uomo era arrivata una condanna agli arresti domiciliari. Nelle ultime ore gli stessi agenti di Polizia avevano raggiunto la sua abitazione per prelevarlo e condurlo in tribunale per l’udienza di merito. Ma tra le mura di casa non c’era. Così per diverse ore lo hanno ricercato e infine catturato, imponendogli anche un’ordinanza per evasione. Condotto in tribunale, per lui si sono aperte le porte del carcere Nerio Fischione di Brescia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.