Traffico di rifiuti? No, erano rottami. Tutti prosciolti

Decisione mercoledì dopo l'udienza preliminare a Brescia e che rischiava di vedere alla sbarra una trentina di soggetti tra imprenditori e acquirenti.

(red.) Niente processo per una trentina di persone – imprenditori e acquirenti di varie regioni italiane – che erano accusate a Brescia di traffico illecito di rifiuti. Sono stati tutti prosciolti dal giudice Elena Stefana perché il fatto non sussiste. Si fa riferimento all’udienza preliminare andata in scena mercoledì 23 gennaio in tribunale e per il trasporto di rottami.

Questi, secondo l’accusa, dovevano essere qualificati come rifiuti e quindi dovevano essere accompagnati da documentazione. Al contrario per gli imprenditori si trattavano di materie prime e secondarie e quindi senza alcuna necessità di pratiche burocratiche da sistemare. Nel mirino, infatti, erano finiti l’acquisto e la rivendita di rottame da parte di un imprenditore. E oltre a lui rischiavano di finire alla sbarra quelli che erano interessati dalla sua stessa filiera. Invece così non è stato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.