Quantcast

Investito a Palazzolo, infermiere critico

Si sono aggravate le condizioni del 61enne che lunedì era stato urtato in via Levadello da un'auto mentre portava la borse della spesa. E' in fin di vita.

Più informazioni su

(red.) E’ in fin di vita all’ospedale Civile di Brescia il 61enne che lunedì pomeriggio 10 dicembre era stato urtato da un’auto all’incrocio tra le vie Kennedy e Levadello a Palazzolo, nel bresciano. Giuseppe Donati, questo il nome della persona che era stata identificata solo dopo un paio di giorni, dipendente dell’ospedale del paese, ha visto aggravarsi le sue condizioni nelle ultime ore, tanto da essere legato ai macchinari che lo tengono in vita. Secondo i medici le speranze che sopravviva sono ridotte e ora si attende un periodo di osservazione.

Ma se il quadro clinico non cambierà potrebbe essere decretata la morte cerebrale. Il giorno dell’investimento l’uomo aveva due sacchetti della spesa alle mani dopo essere stato al supermercato e scendendo dal marciapiedi all’incrocio era stato colpito a bassa velocità da una vettura. Con l’impedimento delle borsine della spesa, aveva sbattuto la testa restando incosciente. Solo nei giorni successivi, visto che l’uomo non aveva con sé documenti, chiavi e cellulare, erano arrivati il nome e cognome del ferito.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.