Quantcast

Souad Alloumi, il marito deve restare in carcere

El Biti la notte tra il 3 e il 4 giugno era stato immortalato in via Milano, fuori casa, portando un pesante borsone che avrebbe contenuto la vittima.

Più informazioni su

(red.) Abdelmjid El Biti deve restare in carcere. Lo dice anche la Corte di Cassazione respingendo la richiesta del legale dell’uomo reo di aver ucciso e di essersi disfatto del corpo della moglie Souad Alloumi. Il marocchino, che viveva separato dalla compagna, la notte tra il 3 e il 4 giugno scorsi avrebbe ucciso la donna nella casa di via Milano. Quel giorno la telecamera esterna di un bar di Brescia, in città, a due passi dall’abitazione, aveva inquadrato la donna che entrava in casa con il marito e i due figli.

Mentre prima dell’alba lo stesso occhio elettronico aveva immortalato El Biti che caricava un pesante borsone sulla propria auto e per poi sparire. Secondo la procura di Brescia e gli agenti della Squadra Mobile della questura che hanno indagato, all’interno si sarebbe trovato il corpo di Souad. Ma che non è stato più ritrovato. E il fatto di non rinvenire i resti ha spinto l’avvocato a rivolgersi prima al giudice preliminare, poi al Riesame e infine alla Cassazione per chiedere la scarcerazione. Ma niente da fare.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.