(red.) E’ una vicenda toccante e che ha innescato una gara di solidarietà quella che racconta il Giornale di Brescia a proposito di quanto sta avvenendo tra Gargnano e Tignale, sul Garda. Una coppia di albanesi attempati – con due figli – residenti a Montichiari, infatti, da quattro mesi vivono in auto. Il motivo? La donna lavora come lavapiatti in un albergo di Gargnano, mentre il marito 65enne a causa di alcuni problemi di salute non può essere impiegato. E non hanno denaro sufficiente per permettersi ogni giorno il viaggio dalla residenza verso il Garda.

A scoprire questa situazione è stata per prima la Polizia Locale nel momento in cui ha verificato che mercoledì sera 12 settembre l’uomo era sdraiato in macchina e parcheggiata da diverse ore nel piazzale di una chiesa. Identificato, si è scoperto che era in regola in Italia, incensurato e anche con il veicolo che rispettava ogni norma. Il giorno dopo, ieri, alcune mamme hanno invece notato una donna che si faceva il bagno nuda nel lago. Era la moglie del 65enne e che, per suggestione, aveva rinunciato all’offerta del proprio albergo di lavarsi all’interno. Venuta a conoscenza di questo, la comunità si è disposta per aiutare la coppia, a partire dalla struttura ricettiva che ora ospita marito e moglie.

Comments

comments