Quantcast

Cologne, un regolamento sui beni sequestrati alle mafie

Più informazioni su

    (red.) Il Comune di Cologne, in provincia di Brescia, sta per compiere un importante passo sui temi della legalità e della lotta contro la criminalità organizzata. Nel Consiglio comunale convocato per mercoledì 18 aprile alle 18.30 si discuterà l’approvazione del “Regolamento sui beni confiscati e sequestrati alle mafie”. Il provvedimento rappresenta un motivo di orgoglio per i sostenitori del MoVimento 5 Stelle di Cologne che, in collaborazione con la Rete Antimafia di Brescia e gli amici dei Meetup di Chiari e Palazzolo, hanno elaborato la bozza di Regolamento presentata all’Amministrazione.

    Una volta approvato, il Regolamento renderà snella e trasparente la procedura per chiedere e ottenere dall’Agenzia nazionale l’affidamento dei beni sottratti alle mafie (case, appartamenti, spazi commerciali, terreni agricoli…), beni che successivamente dovranno essere destinati ad attività sociali e di interesse collettivo. L’adozione di un Regolamento ad hoc è suggerita dal Decreto Legislativo 159/2011 (art.48, comma 3), che invita i Comuni ad aggiornare mensilmente l’albo pretorio con i dati sui beni sequestrati e confiscati.

    “L’Amministrazione ha accolto ed esaminato con interesse la nostra richiesta e adesso, dopo alcuni ritocchi, sembra pronta all’approvazione. Per un paese come Cologne si tratta di un notevole passo avanti perché sono proprio i piccoli Comuni, più defilati e meno sorvegliati, quelli più esposti alle infiltrazioni e agli affari loschi delle mafie”, spiegano gli attivisti del Meetup richiamando i contenuti dell’ultima Relazione antimafia.

    Nei mesi scorsi a dare una scrollata sullo stesso tema era stato il palazzolese Claudio Cominardi. A fronte di un costante aumento del numero di beni confiscati e sequestrati (104 immobili già assegnati in provincia di Brescia, altri 121 soggetti a procedura di confisca e 24 aziende sequestrate di cui 7 già confiscate), il portavoce M5S alla Camera aveva lanciato a tutti i Comuni bresciani l’invito ad allinearsi con la legge del 2011.

    Più informazioni su

    Commenti

    L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.