Quantcast

Appalti “pilotati“ Malonno, una torna in libertà

L'unica donna tra gli indagati è stata liberata dai domiciliari per opera del tribunale del Riesame di Brescia. Lei non avrebbe avuto alcuna responsabilità.

Più informazioni su

(red.) Che intorno a Malonno, nel bresciano, ci fosse un sistema di appalti pilotati – saranno comunque i giudici a stabilirlo – è stato confermato dall’ex sindaco Stefano Gelmi nell’interrogatorio davanti al giudice e dopo aver incassato gli arresti, ora ai domiciliari. Ma nel frattempo, uno dei diciassette indagati nell’inchiesta che coinvolge la centrale unica di committenza delle Unione delle Alpi Orobie, è stato escluso dalle accuse.

Si tratta dell’unica donna, dipendente pubblica proprio della centrale, che era finita nel mirino e agli arresti domiciliari per – stando alla procura – aver sostituito un’offerta a un bando con cui realizzare la biblioteca in paese, da 450 mila euro, presentata da un imprenditore estraneo al “sistema” con quella di un altro tra le amicizie dell’ex primo cittadino.

E in cambio avrebbe ottenuto di affidare un appalto al fidanzato che lavora in un’azienda edile. Ma l’avvocato della donna, secondo quanto scrive il Giornale di Brescia interpellando fonti giudiziarie, ha presentato e si è visto accolto il ricorso al tribunale del Riesame per liberare la propria assistita dalla detenzione. Secondo i giudici della libertà, infatti, non ci sarebbero prove della partecipazione della donna al “sistema” e nemmeno presunti favori al compagno. Quindi, per lei cadono le accuse di corruzione e turbativa d’asta.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.