Quantcast

Palazzolo: data journalism per Rinascimento Culturale

(red.) Riprende il 13 settembre il secondo ciclo di incontri di Rinascimento Culturale. Sono undici gli appuntamenti in cartellone, per unire cultura, divulgazione e ricerca.

Teatro dei primi due appuntamenti inaugurali è Palazzolo sull’Oglio, punto nevralgico della provincia bresciana: la rassegna, ideata dall’omonima associazione, vuole infatti valorizzare non solo la città ma anche la provincia, nel «portare la cultura ad un livello più accessibile», ha già messo in evidenza Alberto Albertini, direttore artistico della manifestazione.

Il primo incontro si focalizza sul data journalism, giornalismo costruito sull’accesso a grandi quantità di dati. In particolare, l’appuntamento – alle 20.45 alla Casa della Musica (via Vittorio Alfieri 7) – verte sulla visualizzazione dei dati e sulla comunicazione visiva, nuova frontiera nel modo di informare: «Data visualization: uno strumento di conoscenza». Ne parlano due esperte in materia, le information designerMichela Lazzaroni e Stefania Guerra, esperte di architettura dell’informazione e progettazione editoriale, maestre nel comunicare i dati attraverso la creazione e lo studio della loro rappresentazione grafica. Per una ricezione chiara ed efficiente, che accompagni la lettura. Ed è proprio nell’inserto culturale “la Lettura” del «Corriere della Sera», riferimento nel panorama editoriale, che le migliori realizzazioni delle due ospiti hanno trovato spazio.

Anche la Storia – filo conduttore di molti degli incontri settembrini di Rinascimento Culturale – può essere, talvolta, vista come una rete connessa di dati, dove l’input fondamentale, il primo fulgido momento dell’uomo, è rappresentato dalla Grecia antica. A condurre in viaggio i bresciani nella classicità è il professor Umberto Galimberti, già incontrato a giugno parlando di bellezza. L’appuntamento è giovedì 14 alle 20.45 all’Auditorium San Fedele, per la relazione «La sapienza greca». Un intervento esito di una carriera dedicata alla filosofia e all’eterna lezione trasmessa dagli antichi greci.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.