Imbal Carton, accordo con colosso Progroup

L'azienda, con sede nel Bresciano e nel cremonese, è attiva nella produzione di imballaggi in cartone ondulato. Ora una partnership per migliorare la filiera.

Più informazioni su

    (red.) Il Gruppo Imbal Carton, attivo in Italia (con sedi nel bresciano a Prevalle, e nel cremonese, a Drizzona) nella produzione di imballaggi in cartone ondulato, ha iniziato una partnership con Progroup AG, il produttore di fogli in cartone ondulato con il maggior tasso di crescita in Europa.

    Il Gruppo Imbal Carton, con sede a Prevalle nel bresciano, è cresciuto fino al 1995 internamente, grazie ad investimenti organizzativi, commerciali, tecnologici ed immobiliari e successivamente esternamente, con alcune importanti acquisizioni. La crescita esterna ha soddisfatto anche la strategia di diversificazione del prodotto e di presenza su mercati geograficamente complementari.

    La concretizzazione di tale strategia ha consentito di rafforzare la sua competitività e la possibilità di servire i propri clienti con tutte le soluzioni di packaging in cartone ondulato e teso. In tale prospettiva, l’accordo con la tedesca Progroup AG, che con questo progetto sbarca nel mercato italiano, è volto a portare economie di costo della materia prima, una maggiore qualità ed omogeneità di prodotto, migliori performance produttive e una ottimizzazione dei tempi di produzione e delle scorte di magazzino.

    Progroup AG, una delle realtà più significative del settore in Europa, nel 2016 un fatturato di circa 733 milioni di euro e fa parte delle 5 principali società del settore nell’Europa centrale. Nella negoziazione, l’Amministratore Delegato di Imbal Carton, Michele Lancellotti, e il suo team, sono stati affiancati dallo Studio Lipani Catricalà & Partners con un team composto dagli Avvocati Damiano Lipani, Luigi Mazzoncini e Carlo Edoardo Cazzato.

    Più informazioni su

    Commenti

    L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.