Quantcast

Rifiuti Brescia, Fondra si dimette. Ma poi rientra

L'assessore aveva scritto lettera di addio. Poi l'ha rimessa nel cassetto. Diatriba con il sindaco su quando far partire il sistema misto nella zona "rossa".

(red.) Tanto tuonò che (quasi) piovve. Si possono descrivere così i nervi tesi nella giunta comunale di Brescia. Da una parte il sindaco Emilio Del Bono. Dall’altra l’assessore all’Ambiente Gianluigi Fondra. In mezzo, il periodo in cui introdurre il nuovo servizio della raccolta dei rifiuti nella cosiddetta zona “rossa” del centro storico. Il tema è stato uno dei tanti nella riunione di giunta a palazzo Loggia mercoledì 5 aprile, ma ha rischiato di privare Brescia di un assessore. Infatti, come scrive Bresciaoggi, Fondra aveva messo nero su bianco le proprie dimissioni.

Era pronto a lasciare l’incarico visti i presunti continui attriti con il primo cittadino, ma giovedì l’allarme è rientrato nel momento in cui lo stesso sindaco Del Bono e la vice Laura Castelletti l’hanno convinto a restare. A far (quasi) traboccare il vaso è stato il momento di decidere quando inserire il nuovo sistema di raccolta della spazzatura. Fondra spinge per giugno, rispettando il cronoprogramma, mentre il sindaco vorrebbe portarlo dopo l’estate.

Si stanno ancora studiando le modalità, vista la sensibilità della zona, ma è facile immaginare che il misto tra porta a porta e cassonetti a calotta porti ai sacchi (invece dei bidoncini) per la domiciliare e ai contenitori con i badge per indifferenziata e organico. Tra l’altro si tratta dell’ultima zona in cui partirà il servizio e la si è messa proprio in coda visto che la zona storica è la più critica. Resta, quindi, da valutare quando arriverà, mentre la crisi in giunta al momento è rientrata. Anche se da tempo, si dice in Loggia, Fondra e Del Bono non sono d’accordo su vari temi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.