Duomo Brescia, cristiani e musulmani insieme

Domenica venti rappresentanti islamici hanno accolto l'invito di entrare in chiesa dopo l'attentato di Rouen. Critico Magdi Allam. "Resa della Chiesa".

Più informazioni su

(red.) Una ventina di rappresentanti della comunità islamica di Brescia ha raccolto l’invito della Chiesa cattolica e domenica 31 luglio sono entrati nel Duomo per partecipare all’incontro prima della celebrazione religiosa. A guidarlo è stato padre Mario Toffari, direttore dell’ufficio Migranti di Brescia, che ha sottolineato come l’unire musulmani e cristiani per l’occasione sia stato il miracolo di padre Jacques Hamel. L’iniziativa, infatti, era stata proposta dopo l’attentato del 27 luglio nella chiesa di Saint-Etienne du Rouvray a Rouen, dove il sacerdote è stato sgozzato da due militanti dell’Isis mentre celebrava la messa.
L’iniziativa di domenica è stata organizzata dalla Comunità Religiosa Islamica con l’intento di distinguere tra Islam e terrorismo e di collaborazione con il cristianesimo. All’incontro c’erano anche il parroco Alfredo Scaratti, Jamel Ben Hemmadi presidente del centro culturale islamico di via Corsica, l’Imam Amin Al-Azmi Jamel Hemmadi e l’Imam Hamid Abd al-Qadir Distefano. Dallo storico incontro è emersa la necessità di collaborare per costruire uno Stato laico in cui tutte le religioni siano ammesse. Sempre domenica, è intervenuto anche Ahmed El Balazi, Imam della comunità della Valsabbia. E’ il territorio dove è cresciuto Anas El Abboubi, il giovane arrestato a Vobarno nel 2013 per terrorismo, ma poi scarcerato e partito per la Siria al fianco dell’Isis.
L’Imam ha definito “criminali e falliti” i terroristi, mentre chiede che la religione islamica non venga accostata a queste persone. Ma l’iniziativa di domenica ha registrato anche situazioni più critiche. Tra loro, il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni propone di bloccare i finanziamenti dall’estero verso strutture musulmane e comunità islamiche e di non concedere autorizzazioni a nuovi edifici, sempre musulmani, fino a quando non sarà risolta l’emergenza. La Lega Nord chiede alle comunità islamiche di passare dalle parole ai fatti nella collaborazione e dopo l’incontro in chiesa di domenica. Ma tra tutti, il più critico sulla storica iniziativa è Magdi Cristiano Allam, convertito al cristianesimo. Il giornalista, ospite di un evento dei Giovani Padani a Palazzolo sull’Oglio, nel bresciano, parla di “resa della Chiesa”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.