Maltempo sul bresciano, un morto

Mercoledì strade diventate fiumi, sottopassi allagati e asfalti saltati. Chiamate ai vigili del fuoco. A Torbole Casaglia un 74enne cade in una roggia.

Più informazioni su

(red.) Un morto annegato dopo essere caduto in una roggia, sottopassi e strade allagate e diventati fiumi, asfalti saltati sulle strade, buche e voragini e un vasto schieramento di mezzi dei vigili del fuoco lungo tutto il bresciano. E’ il bilancio del forte maltempo, anche se sarebbe davvero meglio definirlo una “bomba d’acqua”, abbattuto in provincia nel pomeriggio di mercoledì 8 giugno. La situazione più grave si è presentata a Torbole Casaglia dove un uomo di 74 anni, Francesco Chiappini, è deceduto dopo essere finito in una roggia lungo un fossato. La zona è quella di via Giovanni XXIII, lungo i campi agricoli e la cascina non lontani dal municipio.
L’anziano era uscito di casa nella prima serata forse per verificare i danni dell’acquazzone o, più probabilmente, in cerca di lumache dopo l’imponente pioggia caduta. Ma a un certo punto, intorno alle 21,30 e mentre si stava muovendo lungo una riva del fossato, è finito all’interno del torrente ingrossato proprio dal maltempo. E’ rimasto lì un’ora prima che i parenti, preoccupati, avvisassero le forze dell’ordine per il mancato rientro del 74enne. Poi la tragica scoperta, con l’anziano rinvenuto privo di vita sulla superficie della roggia. Sul posto sono stati chiamati i carabinieri, i vigili del fuoco e i soccorsi, ma nel momento in cui i volontari hanno cercato di rianimarlo, non hanno potuto fare altro che constatarne la morte. Non è nemmeno escluso che l’uomo abbia avuto un malore o sia scivolato e per questo motivo i militari stanno conducendo le indagini.
E’ la vittima del maltempo che ha mandato in tilt l’intero bresciano, a partire dalla città dove la pioggia e la grandine hanno provocato non pochi problemi. Così sono partite centinaia di segnalazioni ai vigili del fuoco. Partendo dalla città, si sono allagati il sottopasso di via Corsica, via Cremona e Dalmazia, disagi anche alla Mandolossa e Villaggio Violino. Gravi problemi anche nel resto della provincia. Sono stati registrati danni a Cellatica tra negozi allagati, problemi simili si sono presentati in Valtrompia con strade e cantine sommerse di acqua. Da Nave a Bovezzo e fino a Concesio. A Lumezzane e Sarezzo si sono aperte delle buche nell’asfalto e intorno ai tombini e si è temuto per voragini più ampie.
Disagi anche sul lago di Garda a Nuvolento, mentre a Desenzano un bambino di poco più di un anno è stato liberato dai vigili del fuoco mentre si trovava bloccato in auto sotto il temporale. In Valcamonica, tra Darfo e Gianico il terreno è franato a Strada della Valle e i tecnici sono al lavoro per sistemare il problema e riprendere la circolazione. Nell’hinterland bresciano i guai maggiori si sono presentati nella zona di Roncadelle e Castel Mella. Dalle 17 alle 19 la zona è stata colpita dalla pioggia e dalla grandine provocando allagamenti e blackout. In via Redipuglia a Onzato è crollato, sotto il peso dell’acqua, un muro che separa una strada privata da una casa.
A Roncadelle si sono presentati disagi tra le strade diventate fiumi e la zona dei centri commerciali, dalle Rondinelle alla Decathlon. La situazione generale parla di 250 interventi che hanno impegnato i vigili del fuoco, insieme ai vari organi di Protezione civile in tutta la provincia. Ma non sono stati segnalati feriti oltre, purtroppo, al decesso di Torbole Casaglia. Dal punto di vista meteorologico, sono previste altre piogge per giovedì 9 giugno, mentre venerdì 10 ci sarà una tregua. Ma nel fine settimana dovrebbe tornare il brutto tempo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.