Pesci morti a Sirmione, indaga la polizia

I cittadini hanno segnalato specie decedute nella zona del Porto Riel. Forse uno sversamento a base di ammoniaca. Arpa controlla i prelievi.

Pesci morti Sirmione(red.) La polizia locale di Sirmione, nel bresciano, è stata allertata dai cittadini per centinaia di pesci trovati morti nelle acque del Porto Riel, nella zona di Lugana dove sfocia il Ganfo. La situazione, che si era già verificata in passato, si sta presentando di nuovo nei giorni a cavallo della metà di novembre e gli agenti temono che sia avvenuto uno sversamento di materiali inquinanti per opera di aziende agricole operanti tra Desenzano e Pozzolengo. Nel bacino d’acqua, infatti, sfociano alcuni torrenti che attraversano proprio i due paesi gardesani.
I vigili urbani di Sirmione e Desenzano hanno prelevato dei campioni di acqua nelle loro zone, poi consegnati all’Arpa per tutte le verifiche del caso. Secondo le prime informazioni, sembra che i pesci siano morti per la presenza di ammoniaca nell’acqua. In ogni caso, le indagini della polizia vanno avanti aspettando i risultati dei test. Se sarà confermato il decesso di centinaia di pesci  per inquinamento, saranno coinvolti il Corpo Forestale dello Stato e l’Asl per controllare tutte le aziende della zona.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.