Quantcast

Minibond, Aib sceglie Popolare Vicenza

Gli industriali bresciani rinnovano la partnership con l'istituto di credito Veneto. Partner ideale per alcuni mercati esteri.

Più informazioni su

Aib(red.) Banca Popolare di Vicenza e Associazione Industriale Bresciana (Aib) confermano e rafforzano la loro collaborazione a sostegno delle imprese associate. L’intesa, avviata nel 2013, riguarda importanti ambiti dell’attività aziendale e da quest’anno si arricchisce ulteriormente mediante l’offerta di servizi ed assistenza alle imprese associate, che intendono ricorrere ai minibond come strumento di finanziamento alternativo al credito ordinario.
Banca Popolare di Vicenza, infatti, in collaborazione con Aib, supporta le aziende associate nei propri programmi di sviluppo e le assiste nelle fasi di valutazione, emissione e collocamento dei minibond, mettendo a disposizione l’expertise ormai consolidata in questo ambito, proponendosi come partner affidabile ed accreditato. Con 13 emissioni di minibond per un totale di oltre 290 milioni di euro curate ad oggi, Banca Popolare di Vicenza si conferma leader in questo settore.
Banca Popolare di Vicenza, inoltre, continua ad agevolare le attività di esportazione delle aziende aderenti ad Aib mettendo a disposizione linee di credito per complessivi 60 milioni di euro presso Istituti di credito in Cina, India, Brasile e, da quest’anno, in Turchia.
“L’accordo tocca due aspetti strategici per Aib – ha dichiarato Marco Bonometti, presidente di Associazione Industriale Bresciana – il supporto all’export e gli strumenti alternativi al credito bancario. L’export bresciano nel 2014 ha superato il record storico con 14,1 miliardi di euro: i nostri prodotti sono industrialmente competitivi e la Turchia – oggetto di questo accordo con Banca Popolare di Vicenza – è uno dei bacini ai quali guardiano con maggiore attenzione. Per vincere la concorrenza internazionale servono tuttavia anche soluzioni di pagamento altrettanto valide, come quella che abbiamo messo a punto con l’istituto di credito veneto”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.