Autonomia camuna, petizione on line

Lanciata dal deputato bresciano della Lega Nord Davide Caparini per chiedere al Governo Renzi di rispettare gli impegni presi con il territorio bresciano.

Più informazioni su

    Davide Caparini(red.) Una petizione on-line per chiedere al Governo Renzi di rispettare gli impegni presi con la Vallecamonica e le genti di montagna in tema di Grandi Derivazioni, Servizio Idrico e prevenzione del dissesto idrogeologico. L’iniziativa, lanciata dal deputato bresciano della Lega Nord Davide Caparini, in poche ore ha già raccolto decine di sottoscrizioni tra parlamentari, consiglieri regionali, sindaci, amministratori locali ma anche semplici cittadini che chiedono al Governo più autonomia per la Valle Camonica.

    “E’ un modo – spiega Caparini – per ricordare al Governo che la Valcamonica esiste e vuole quello che le spetta di diritto.

    Il PD camuno, riscopertosi improvvisamente autonomista dopo aver avversato per oltre 20 anni tutte le proposte della Lega, alla prova dei fatti si è dimostrato inconcludente esattamente come il suo leader. Renzi potrebbe infatti fin da subito soddisfare le richieste contenute nella petizione, gli basterebbe dare il via alle numerose iniziative di legge a favore della Valle Camonica e della montagna presentate dalla Lega e che giacciono dimenticate in parlamento.
    La raccolta firme è appena agli inizi ma sono certo che anche questa volta i camuni sapranno far sentire la loro voce.”
    Ad ogni sottoscrizione infatti, Change.org, la piattaforma per fare campaigning, ovvero perorare una causa e raccogliere adesioni, utilizzata dagli attivisti di tutto il mondo (30 milioni gli iscritti di cui 800 mila in Italia) che ospita l’iniziativa, invia automaticamente un’email direttamente all’indirizzo del Presidente del Consiglio.
    Il link alla petizione https://goo.gl/Qbxafd

     

    Più informazioni su

    Commenti

    L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.