Anziano con Alzheimer segregato in cantina

Lo hanno scoperto i carabinieri di Carpenedolo. L'uomo era in custodia al cognato, un 50enne, che è stato arrestato per maltrattamenti.

Più informazioni su

    carabinieri-notte(red.) Un anziano disabile di 60 anni, affetto da Alzheimer, era tenuto segregato in una cantina dal cognato che ne aveva la custodia e l’amministrazione dei beni. Lo hanno scoperto i carabinieri di Carpenedolo (Brescia).
    Dietro una porta chiusa a chiave i militari hanno trovato l’anziano, in mutande e maglietta. Attorno a lui avanzi di cibo ed escrementi e musica ad alto volume per evitare che i vicini potessero sentirne i lamenti. Attaccate al letto anche delle rudimentali cinghie.
    Il cognato, un 50enne, a cui i militari dell’Arma sono arrivati per un controllo su alcune armi detenute dall’uomo legalmente, è stato arrestato nei giorni scorsi con l’accusa di maltrattamenti.
    Il provvedimento è stato convalidato dal Gip ed è stata disposta la custodia cautelare in carcere poi trasformata in detenzione domiciliare. L’anziano parente ammalato è stato affidato ad una struttura protetta.

    Più informazioni su

    Commenti

    L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.