Quantcast

Aci Brescia, il riconteggio spazza via Gaburri

Riesaminate le 132 schede contestate. Bruno Ferrari prende il posto del presidente eletto il 28 maggio. Fuori anche Belussi.

Più informazioni su

    (red.) Ribaltone in seno al direttivo dell’Aci Brescia, dopo il riconteggio delle schede elettorali disposto dal Tar.
    Il ricalcolo delle 132 contestate, avvenuto nella mattinata di martedì 29 luglio, ha infatti mutato il profilo del consiglio d’amministrazione.
    In consiglio entrano Roberto Onofri e Piergiorgio Vittorini per la lista Rinnovo nella Tradizione, mentre per la lista Aci per Passione, fanno il loro ingresso Attilio Camozzi, Bruno Ferrari. Quest’ultimo prende il posto di Roberto Gaburri che, inizialmente eletto presidente lo scorso 28 maggio, esce di scena.
    Per le liste speciali entra invece Baffelli che prende il posto di Gianpietro Belussi, già escluso dal Tar per mancanza di firme alla presentazione delle candidature.
    Rispettoa gli esiti del 28 maggio, quando il risultato era di quattro esponenti a uno per la lista Rinnovo nella Tradizione, dopo il riconteggio il bilancio è di tre consiglieri della lista Aci per Passione contro due della lista concorrente.

    Più informazioni su

    Commenti

    L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.