Oasi Cava Pasotti, 1000 firme per salvarla

La petizione del Codisa viene discussa giovedì in Commisisone Ambiente. "No" a ritombamento e cementificazione dell'area verde.

(red.) Una raccolta firme per affermare la «totale contrarietà all’ eliminazione del bosco ed il conseguente ritombamento dell’ ex cava Pasotti» a Buffalora.
La presenta, giovedì 15 maggio, il Codisa Buffalora, Comitato difesa salute ambiente del quartiere cittadino, alla Commissione Ecologia ed Ambiente del Comune di Brescia che si riunisce alle 15 in via Marconi. La petizione è stata sottoscritta da 1.059 concittadini.
Una piccola delegazione ha annunciato la propria presenza durante i lavori della commisisone per  illustrare i temi contenuti nel documento.
Il luogo da salvare è il laghetto di  Buffalora, un’area verde  circondata da un boschetto. Il Comitato si oppone al progetto di ritombamento e cementificazione della zona, deliberato dall’amministrazione Paroli nel febbraio 2009 nell’ambito dell’operazione del polo logistico Italgros.
Il progetto , tuttavia, nel 2012 è stato “rivisto” dal Consiglio comunale che ha votato poi a favore della salvaguardia dell’area verde, ma si è successivamente aperto un contenzioso tra Loggia e ditta Gaburri, quest’ultima determinata a termine il progetto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.