Occupazione Asl, “accuse ingiuste”

L'azienda sanitaria locale, in una nota: "Non minimizziamo le paure di parte della cittadinanza sulle tematiche ambientali".

(red.) L’Asl di Brescia, a seguito della protesta realizzata mercoledì 30 aprile da un gruppo di cittadini presso i propri locali di viale Duca degli Abruzzi, precisa che pur comprendendo la legittimità di una protesta non condivide le modalità utilizzate e, soprattutto, non può che ritenete le accuse indirizzate ingiustificate e senza fondamento alcuno.
L’Azienda sanitaria locale, spiega una nota, si occupa della tutela della salute pubblica e non ha mai minimizzato, né intende minimizzare, le preoccupazioni di parte della comunità su tematiche ambientali che potrebbero avere risvolti sulla salute della popolazione. Numerose sono le indagini che ha realizzato e sta realizzando in materia di inquinamento da Pcb, da ultimo il progetto sull’orto sperimentale; sulla tematica Pcb – Caffaro ha pubblicato un opuscolo che contiene i risultati a oggi conosciuti in materia. Tale opuscolo è stato diffuso alla popolazione ed è scaricabile dal sito web aziendale www.aslbrescia.it; sullo stesso sito è presente una sezione contenente tutti i documenti finora prodotti sul tema.
Proprio il 30 aprile, conclude il breve comunicato, è stato pubblicato sul sito dell’Asl il Rapporto sulla Prevenzione anno 2013 che ogni cittadino può liberamente consultare. Nel Rapporto è presente una vasta sezione dedicata alla Medicina dell’ambiente dove sono ben descritte le attività che l’Asl svolge in particolare in relazione alla contaminazione delle acque e del suolo ed all’inquinamento da amianto. L’ASL di Brescia si è resa comunque disponibile ad incontrare la delegazione di cittadini il 9 maggio alle 15.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.