Quantcast

Secessionisti, udienza per la restituzione beni sequestrati dai Ros

Più informazioni su

(red.) Il tribunale di Brescia ha fissato per il 29 aprile l’udienza per la restituzione dei beni sequestrati dai carabinieri del Ros all’indipendentista sardo Doddore Meloni, presidente del Movimento Meris-Malu entu, indagato nell’ambito dell’inchiesta della procura bresciana sull’indipendenza del Veneto.
I carabinieri del Ros il 2 aprile si presentarono a casa di Meloni e sequestrarono alcuni beni «le bandiere della Serenissima di Venezia, oltre ai telefoni e i computer», spiega lo stesso Meloni, che sarà presente e assistito dall’avvocato Cristina Puddu, «con la dichiarazione di utilizzo della lingua sarda nel processo e con la traduzione in sardo degli atti processuali».
Nell’ambito dell’inchiesta, tra i 24 arrestati, finì in manette anche un altro sardo, Felice Pani, 54enne di Terralba (Or), ex amico e compaesano di Meloni, del quale fu anche ministro della Repubblica di Malu Entu. L’accusa è quella di aver messo in atto “varie iniziative, anche violente” per ottenere l’indipendenza del Veneto dall’Italia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.