Pcb, dimezzati i valori nel sangue

Da venerdì 28 marzo saranno disponibili sul sito dell'Asl i dati dell'indagine epidemiologica. La contaminazione in 10 anni si è comunque ridotta ovunque in città.

Più informazioni su

(red.)Dimezzati i valori di Pcb nel sangue dei bresciani.
E’ quanto emerge dall’analisi epidemiologica condotta dall’Asl di Brescia su 600 bresciani residenti nella zona a Sud Della Caffaro, nel quartiere I Maggio, nella ex 5° circoscrizione, in alcune aree di Capriano del Colle e Castel Mella, messi a confronto con un’area non confinante con il Sito Caffaro. L’indagine mirava non solo a fare una fotografia della presenza di Pcb nel sangue dei bresciani, ma anche a fare un confronto con quanto rilevato nell’indagine analoga del 2003.
Bene, dai risultati emerge che per tutti si è verificato un dimezzamento dei valori, anche se, nella zona a Sud della Caffaro ci sono ancora dei picchi importanti, solo, però, tra la popolazione anziana. L’interruzione della catena alimentare avrebbe preservato i più giovani dal contatto con prodotti contaminati, riducendo anche l’esposizione al Pcb. Si è abbassata anche la presenza di Pcb nel sangue di chi con la Caffaro non ha mai avuto nulla a che fare. Se nel 2003 il valore soglia era stato di 15 microgrammi/litro, ora risulta di 10 microgrammi/litro. Ininfluente per l’esposizione al Pcb, la residenza in aree contaminate (senza aver consumato i prodotti) o la pratica di attività fisica, come nel parco Calvesi.
I dati, confortanti, non incideranno per ora sulla gestione dell’emergenza Caffaro. Oltre a proseguire l’iter per le bonifiche, anche l’ordinanza del Comune resterà invariata. Questi risultati, infatti, attestano solo l’esposizione, più o meno forte, al Pcb, ma nulla dicono sulla possibile correlazione con malattie. Per questo, ad aprile partirà uno studio sul melanoma (unica patologia per cui è stata riconosciuta la correlazione col Pcb) e il linfoma non-Hodgink e in estate un’indagine per georeferenziare i tumori.
Da venerdì 28 marzo,sul sito dell’Asl sarà pubblicata l’intera relazione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.