Quantcast

«Europee: se si vince, tutti a Roma»

I parlamentari del M5S in visita domenica a Brescia hanno esposto i risultati del movimento e annunciato nuove battaglie contro il governo.

(red.) Più che un auditorium domenica 16 marzo il Balestrieri del Liceo Leonardo dava l’impressione di un palazzetto dello sport. E il tifo si è fatto sentire: scrosci di applausi, urla, addirittura qualche coro, scandito dai quasi mille spettatori in platea quando sul palco sono salite le star: i parlamentari bresciani del M5S. Vito Crimi, Girgis Sorial, Tatiana Basilio, Dino Alberti, Claudio Cominardi. E poi Alessandro Di Battista e Luigi Di Maio, due dei giovani pupilli prediletti da Beppe Grillo che a Montecitorio si sono guadagnati lo spazio nei telegiornali e nelle trasmissioni televisive.
Ma oltre all’entusiasmo, la tappa bresciana del “Parlamentour“, è servita per scatenare anche il dibattito. Molte le tematiche affrontate con i cittadini. «Ci è voluto qualche mese – dice Di Maio – per capire come funzionavano i meccanismi parlamentari. Poi dallo Statuto abbiamo scoperto che potevamo tenerli bloccati lì dentro due – tre notti. E abbiamo portato a casa risultati che oggi sono legge dello Stato».
Roberto Fico, presidente della Commissione di vigilanza Rai, Non lesina gli affondi. «Abbiamo scoperto che la Rai spendeva 750 mila euro per seguire il Meeting di Rimini. Su questo ho fatto un’interrogazione al direttore generale e al presidente Tarantola». Altrettanto diretto è l’ex portavoce al Senato, Nicola Morra: «A causa di questa classe dirigente politicizzata e corrotta degli ultimi vent’anni siamo arrivati sull’orlo dell’abisso».
Ma il tour è anche un modo per fare campagna elettorale per le prossime elezioni europee, e la discussione non poteva non passare anche da lì: «Se vinceremo le elezioni, otterremo un punto di più del Pd, si aprirà la crisi per l’attuale governo. Chiederemo ai cittadini, in una camminata pacifica, di venire fino a Roma, circondare altrettanto pacificamente il Parlamento e chiedere che si vada ad elezioni».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.