Quantcast

Brescia, Manenti: «Siamo alla fase due»

L'imprenditore milanese interessato all'acquisto della società di Gino Corioni è stato ospite di una trasmissione di approfondimento calcistico di Teletutto.

(red.) I tifosi e i giornali parlano sempre più di lui, così anche lui ha deciso di parlare ai tifosi. In abiti a dir poco casual (meglio dire spartani: una felpa di pile, jeans e capelli scarmigliati), ai quali ha abituato tutti in pochi giorni Giampietro Manenti, numero uno di Mapi Group e al centro della trattativa con Gino Corioni che lo vede interessato all’acquisto del Brescia Calcio si è ampiamente espresso ai microfoni della trasmissione “Parole di calcio” condotta da Andrea Cittadini e andata in onda lunedì alle 21 su Teletutto.
E Manenti, in sostanza, ha confermato tutte le indiscrezioni finite sui giornali negli ultimi giorni. «Siamo alla fase due – ha raccontato l’imprenditore milanese – a buon punto della trattativa. Tra qualche giorno in Italia presso Ubi Banca apriremo i conti su cui far transitare il denaro necessario all’operazione. Cosa c’è di diverso rispetto alle trattative di altri potenziali compratori? Che noi abbiamo visto le carte e siamo pronti a fare il passo».
Ci ha tenuto però a smentire le voci maligne che insinuavano dubbi sulla solidità della sua proposta e del gruppo finanziario di cui è a capo. «Non siamo un bluff, vogliamo fare le cose seriamente – ha sottolineato Manenti – se siamo qui e vogliamo metterci la faccia è perché ci teniamo a chiudere la trattativa».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.