Ono San Pietro, non fu avvelenamento

Nessuna traccia di veleno nei corpi di Davide e Andrea. Procedono le indagini della Procura. A questo punto, sempre più plausibile l’ipotesi di soffocamento.

(red.) Il mistero riguardante la tragica morte di Davide e AndreaIacovone, i fratellini di Ono S. Pietro (Brescia) che lo scorso 16 luglio hanno perso la vita nella casa di via Sacadur, non è ancora stato risolto.
Dopo aver escluso che strappare la vita ai due bambini sia stato l’incendio appiccato dal padre Pasquale, gli esperti dell’istituto di Medicina legale, ora, negano anche la possibilità secondo la quale l’arma del delitto sarebbe stata una sostanza chimica.
Dopo gli approfondimenti, infatti, nessuna traccia di veleno barbiturico è stata trovata nei corpi dei piccoli, il che, di fatto, escluderebbe la possibilità di avvelenamento.
A questo punto, quindi, l’ipotesi più plausibile sembrerebbe quella riguardante il soffocamento, nonostante sia la più difficile da dimostrare per gli inquirenti. Al momento sarebbero in programma nuove analisi tossicologiche volte a ricercare, nei campioni biologici prelevati ai due fratellini, la presenza di sostanze corrispondenti a flaconi e blister sequestrati nell’abitazione di Iacovone.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.