Quantcast

Conti pubblici, Brescia Mobilità sotto la lente

Lo ha annunciato il sindaco Emilio Del Bono durante l'approvazione del bilancio della controllata del Comune. Verifica semestrale sul conti delle partecipate.

(red.) Fare chiarezza sui conti della Loggia. Il sindaco di Brescia Emilio Del Bono lo aveva già annunciato nei giorni scorsi, affermando che il bilancio di previsione 2013 “dovrà tener conto dei 30 milioni di disequilibrio dell’eredità che ci è stata consegnata”. Prioritarie per la Giunta Del Bono sono istruzione, cultura, politiche sociali e ambientali. Su A2A, poi, il sindaco ha affermato che “resterà pubblica”.
Ma per il primo cittadino sotto le lente ci sono anche i conti delle aziende partecipate, Brescia Mobilità su tutte, per la quale è prevista una “verifica urgente”.
Lunedì 8 luglio si è svolta l’assemblea della utility, presieduta da Valerio Prignachi, con l’approvazione del bilancio 2012.
Del Bono ha indicato l’avvio di “provvedimenti” per fare il punto sulla situazione della controllata del Comune che, se da un lato ha chiuso con un utile di 110mila euro, dall’altroinvece  il rendiconto consolidato della holding ha segnato una perdita di 2,7 milioni di euro. Ma il sindaco paventa che il “rosso” sia ancora superiore e per questo ha deciso di procedere con verifiche sui bilanci contabili della società.
Una “verifica puntuale”, ha sottolineato Del Bono, su tutto il gruppo Brescia Mobilità, ma anche, appurare se e quali progetti sono stati avviati senza la necessaria copertura finanziaria. In testa ai pensieri del sindaco c’è la Park City, al centro di un dibattito che oppone centrodestra e centrosinistra.
L’assessore alla Mobilità Federico Manzoni ha annunciato controlli più stringenti e la richiesta, da parte della Loggia di una verifica semestrale sull’andamento dei conti. Nel mirino dell’amministrazione c’è anche Omb International: al vaglio la vendita della sede.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.