Quantcast

Corioni, “indispensabile un nuovo stadio”

Il presidente del Brescia Calcio lancia un appello ai candidati sindaco. "Trovo assurdo che a più di vent'anni la questione non sia ancora risolta".

(red.) “Vorrei che tutte le forze della città si unissero per chiedere ai candidati sindaci di inserire nei loro programmi la costruzione dell’oramai indispensabile stadio”.
Il patron del Brescia Calcio, Gino Corioni, affida ad una lunga lettera pubblicata sul sito della società il suo appello alle forze politiche in corsa verso le amministrative di Brescia di maggio 2013. In merito al sito su cui potrebbe sorgere la costruzione, Corioni suggerisce di riflettere sull’opportunità di ricostruire la struttura a Mompiano. “A breve prenderà il via la metropolitana. L’imponente opera, iniziata nel 2003, prevede ben 3 stazioni nei pressi dell’attuale Stadio Rigamonti: potrebbe quindi essere una soluzione ricostruire lo stadio esattamente dove è adesso. L’amministrazione dovrà infatti pensare di creare delle attrazioni ludico commerciali lungo la tratta della metro, diversamente rischierà di non trovare utenti interessati ad usufruire del servizio”.
Dopo aver ripercorso, infine, la storia del Rigamonti, Corioni conclude scrivendo che trova “assurdo che ancor oggi, a distanza di più di vent’anni, che la questione stadio sia ancora irrisolta e, onestamente trovo ancora più assurdo che le scuse accampate dagli amministratori della città, cioè da coloro che volendo potrebbero risolvere il problema, siano sempre le stesse”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.