Quantcast

Diritti per tutti: bloccati altri due sfratti

Si trattava in un caso di un primo accesso dell’ufficiale giudiziario e nell’altro del secondo, nelle abitazioni di muratori resideti ad Adro, rimasti senza lavoro.

(red.) Mentre prosegue l’occupazione dell’ex Hotel Sirio di via Capriolo 24 a Brescia, martedì mattina una ventina di attivisti del Comitato provinciale contro gli sfratti e dell’associazione Diritti per Tutti ha bloccato altri due sfratti, entrambi ad Adro, in via Dandolo e via Colzano.
Si trattava in un caso di un primo accesso dell’ufficiale giudiziario e nell’altro del secondo, nelle abitazioni di muratori rimasti senza lavoro a causa della crisi. Il primo tentato sfratto ha riguardato Khalid, muratore marocchino da un anno e mezzo senza lavoro e residente in un’abitazione in via Dandolo, assieme alla moglie e a due figli piccoli. Nonostante le posizioni rigidissime dell’avvocato della proprietà, che ha ripetutamente chiesto l’intervento dei carabinieri, presenti sul posto, gli attivisti sono riusciti ad ottenere un rinvio, il prossimo 17 gennaio.
Il secondo tentato sfratto, sempre ad Adro, era in programma in via Colzano. Qui vive Ben, assieme alla moglie e al figlio di 11 anni. Ben ha fatto il muratore fino a un anno e mezzo fa: il suo datore di lavoro gli deve ancora la liquidazione. Senza soldi, “Ben”, spiega Diritti per tutti, “ha dovuto scegliere se mantenere la famiglia o pagare l’affitto nella sua abitazione, consegnatagli dalla proprietà in condizioni davvero difficili da vivere, sia per gli spazi molto angusti che per la presenza di muffa alle pareti”. In questo caso, il rinvio è stato fissato al 29 gennaio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.