Quantcast

Ori Martin, “Osservatorio non è merce di scambio”

Il Codisa Sanba: "Maggioranza ed opposizione sembrano ingaggiare una lotta per le investiture politiche da esibire quale primogenitura nel parto dello strumento”.

(red.) Il Codisa San Bartolomeo, Comitato difesa salute e ambiente bresciano è intervenuto, con una nota, sulla annunciate costituzione, “da parte dei partiti  maggioranza e opposizione dell’Osservatorio Ori Martin, finalizzato a radiografare le criticità ambientali di San Bartolomeo che da decenni lamenta la difficile convivenza con lo stabilimento (inquinanti, rumori, miasmi, fumi, traffico ecc)”.
“Non sappiamo”, affermano i cittadini del Comitato, “più come accogliere tali iniziative, perchè più che una seria presa in carico dei problemi del Quartiere, sembra una lotta per le investiture politiche da esibire quale primogenitura nel parto dell’Osservatorio”.
“Vogliamo qui ricordare”, viene rimarcato, “che l’Osservatorio è un elemento della petizione presentata dal Co.Di.S.A. Sanba al Sindaco Paroli, il 5 giugno scorso e che inspiegabilmente, fuori dai tempi previsti dai regolamenti, giace sui tavoli della politica, acuendo in tal modo la distanza tra amministratori ed amministrati”.
Per l’associazione, le emergenze ambientali del Quartiere San Bartolomeo “devono essere affrontate con urgenza, in maniera puntuale ed organica, partendo quindi dall’intera petizione nella quale sono indicati problemi e soluzioni. Per il Quartiere il patto civico di confronto condiviso con la Ori Martin, il piano indagini urgenti, la revisione urbanistica, il riordino della viabilità, la mitigazione ambientale, sono temi altrettanto importanti dell’istituzione dell’Osservatorio che non possono più aspettare”.
“La nostra attenzione all’argomento”, scrivono i cittadini del Codisa, “con confermata disponibilità al dialogo e al confronto, non va comunque fraintesa, siamo cittadini attivi non merce di scambio elettorale”.
“I cittadini di San Bartolomeo”, concldue la nota, “stanchi e spossati dai continui rimpalli, attendono e misurano i fatti e rigettano i proclami”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.