Quantcast

Staminali, Smeralda al Civile per le cure

La bimba di 17 mesi, in coma per un'asfissia da parto, è arrivata a Brescia con il padre a bordo di un aereo militare. Verrà sottoposta a trattamento come Celeste.

(red.) Come la piccola Celeste Carrer, due anni, sottoposta alle cure compassionevoli con cellule staminali adulte, così anche Smeralda, la bimba catanese di 17 mesi affetta da una grave patologia alla nascita, è arrivata al Civile di Brescia per sottoporsi al medesimo trattamento, dopo il pronunciamento favorevole del tribunale siciliano.
La bambina, accompagnata dal padre, Giuseppe Camiolo, ha viaggiato a bordo di un volo militare e ha raggiunto il nosocomio cittadino solo nel tardo pomeriggio. Ad attenderli anche alcuni rappresentanti dell’Associazione Sicilia risvegli, che in mattinata hanno tenuto un presidio fuori dal Tar di Brescia.
Smeralda è in coma per un’asfissia avvenuta durante il parto e, dopo gli accertamenti, sarà sottoposta ad un’infusione di cellule staminali adulte, così come ordinato dal Tribunale di Catania.
La bambina dovrebbe trascorrere la notte in osservazione nel reparto di rianimazione. Attesa invece per questo mercoledì la decisione del Tar sulla sospensiva dell’Aifa per una decina di altri pazienti che erano in cura al nosocomio bresciano e a quali il provvedimento dell’agenzia del farmaco ha imposto la sospensione del trattamento.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.