Quantcast

Green Hill, pm: “Cani uccisi senza necessità”

Nuovo capo di imputazione nei confronti delle tre persone indagate per maltrattamenti. I beagle, secondo l'accusa, sarebbero stati soppressi senza motivo.

(red.) Cani uccisi senza motivo. Dall’ipotesi di reato i giudici hanno formulato l’effettivo capo di imputazione nei confronti di amministratore, direttore e veterinario di Green Hill, precedentemente accusati di maltrattamento d’animali. Ora l’accusa è quella di uccisione di animali senza necessità (art. 544 bis del codice Penale).
Le indagini avviate all’interno dell’allevamento di Montichairi, sottoposto a sequestro giudiziario dalla Procura di Brescia, avevano portato alla scoperta di un centinaio di carcacsse di beagle nei congelatori dell’azienda. Gli animali sarebbero stati soppressi perché malati.
In realtà sarebbe emerso che i cani venivano uccisi anche se affetti da dermatite, perché non in linea con gli standard aziendali e non idonei alla vendita ai centri di sperimentazione scientifica.
Nessuna cura sarebbe stata predisposta per curare i cuccioli, che, per l’accusa, dimostrerebbe una precisa scelta della Green Hill, per la quale dunque la contestazione è passata da “maltrattamento di animali” a “uccisione di animali senza necessità”.
Intanto, dei circa 2500 beagle che erano presenti nella struttura, la quasi totalità è stata data in affidamento attraverso le due associazioni nominate custodi giudiziarie degli animali, Lav e Legambiente. Ancora da affidare 59 cani, fattrici incinte che devono dare alla luce delle cucciolate.

 

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.