Sos Scuola, la battaglia continua

Due le iniziative del Comitato che chiede il ripristino dei fondi per l'istruzione scolastica: il 30 maggio presidio davanti alla Loggia, il 5 giugno di fronte al Provveditorato.

Più informazioni su

(p.f.) Continua la maratona del Comitato Sos Scuola. Il 30 maggio i genitori e i docenti aderenti saranno dalle 17 sotto i portici della Loggia, in concomitanza con il Consiglio Comunale.
Due le richieste. La prima, indirizzata alla giunta Paroli, reintegrare i 950mila euro che negli anni scorsi erano stati destinati alla scuola. Di questi, i 380mila euro per il diritto allo studio sono già stati ripristinati dall’amministrazione. Mancano all’appello, però, i soldi per l’alfabetizzazione e una parte del sostegno della disabilità. L’altra richiesta punta più in alto: si chiede cioè allo Stato di pagare i suoi debiti, ovvero quel milione e mezzo di euro che il Ministero dell’Istruzione non ha pagato alle scuole bresciane negli ultimi anni. Se con il presidio del 30 non si otterranno risposte, il Comitato si sta già attivando per raccogliere la disponibilità ad allestire un presidio permanente in Loggia.
Il 5 giugno sarà la volta del Provveditorato, dove si partirà con un presidio temporaneo. Anche qui, però, in assenza di risposte, si potrebbe arrivare al presidio a oltranza. E il 7 giugno, due giorni prima della fine della scuola, il Comitato potrebbe ritornare ancora in Loggia. “Il segnale”, ha spiegato il Coordinamento durante l’assemblea del 24 maggio alla Bettinzoli, “deve arrivare forte all’amministrazione: non ci fermeremo con le vacanze estive, perché a settembre i problemi saranno gli stessi, per cui si va avanti finché non otteniamo quello che chiediamo”.
E la richiesta all’amministrazione, stavolta, è di non trincerarsi dietro il bilancio o A2A. “I consiglieri di A2A”, è il commento di una mamma del Comitato, “li hanno scelti loro, non è colpa nostra se non ci sono i soldi: che vadano  a chiederli a chi ha sbagliato. E il bilancio non si crea da solo, sono loro a farlo, sono loro che possono decidere come distribuire le spese”. Oltre ai problemi ‘ordinari’, ci sono poi quelli straordinari,  i pressanti temi ambientali in alcune scuole, dal cromo al Pcb: proprio di questo si parlerà nella serata del 31 maggio in un’assemblea pubblica a Chiesanuova, nella sede della circoscrizione di via Livorno.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.