Quantcast

Occupy Green Hill, sit in a Verziano

Una cinquantina di attivisti davanti ai cancelli della casa circondariale per chiedere il rilascio dei 12 arrestati. Ci sarebbero danni per 250mila euro dopo il corteo di sabato.

(red.) Sabato hanno chiesto la libertà per i beagle che si trovano a Green Hill, domenica l’hanno richiesta per i loro compagni in carcere a Verziano (Brescia). Si tratta di una cinquantina di attivisti di Occupy Green Hill che domenica pomeriggio si è data appuntamento davanti ai cancelli della casa circondariale per chiedere il rilascio delle 12 persone arrestate durante la manifestazione di protesta a Montichiari il giorno precedente.
In carcere al momento si trovano una 39enne polacca residente a Ferrara, una 47enne di Bologna, una 51enne di Roma, una 21enne di Cascina, in provincia di Pisa, un 40enne di Argelato, nel Bolognese, una 44enne di Pelago e un 37enne di Castelfiorentino, entrambi in provincia di Firenze, un 25enne di Torino già noti alle forze di polizia, una 22enne di Roma, una 26enne di Firenze, un 42enne di Pomezia e una 38enne di Treviso. Alcune stime non ufficiali parlano di danni per circa 250 mila euro all’allevamento di proprietà della multinazionale Marshall dopo il corteo di circa 1.500 attivisti che è sfociato anche in un atto di forza per la liberazione di una trentina di beagle.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.