Bragaglio, il tribunale rigetta la denuncia della Cdo

(red.) Il Tribunale di Brescia ha respinto la richiesta di condanna al risarcimento dei danni, patrimoniali e non, promossa il 7 aprile del 2009, con una citazione per diffamazione, denigrazione, lesione gravissima alla reputazione, all’immagine ed identità, nonché per illecito civile da parte della Compagnia delle Opere di Brescia nei confronti del consigliere Claudio Bragaglio.
La denuncia era giunta a seguito di un intervento del consigliere durante il Consiglio Comunale del 6 marzo 2009 “riguardante le responsabilità del sindaco Paroli, il ruolo dei gruppi di interesse e delle lobby a Brescia ed in Consiglio Comunale, la CdO e la complessa vicenda degli organi di gestione di A2A”, ha spiegato lo stesso Bragaglio. Il consigliere, ringraziando gli avvocati Giuseppe Onofri e Andrea Ricci, si è riservato di commentare la sentenza non appena saranno rese pubbliche le motivazioni del giudice.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.