Quantcast

Lega Nord, Bossi jr.: “Mai preso soldi dal partito”

"Il trota" ha respinto le accuse piovute sulla sua famiglia a seguito dell'inchiesta sul tesoriere del Carroccio Francesco Belsito. "Mi pago le spese e sono in affitto".

(red.) ”Sono sereno, non ho mai preso soldi dalla Lega, né in campagna elettorale e neppure adesso da consigliere regionale”: lo ha detto Renzo Bossi appena arrivato in Consiglio regionale commentando quanto sarebbe emerso nell’inchiesta che coinvolge il tesoriere Francesco Belsito.
Arrivando nell’aula del Consiglio Regionale, ai cui lavori ha preso parte sia martedì sia oggi, “il trota” ha voluto fare delle dichiarazioni sull’inchiesta giudiziaria che accusa l’ex tesoriere della Lega, Francesco Belsito anche di foraggiare a spese del partito la famiglia del leader. ”Come tutti i miei colleghi”, ha detto, “dò una percentuale al movimento e come tutte le persone mi pago le spese della macchina e vivo in affitto”.
Bossi Jr. ha comunque concluso dicendo di avere ”fiducia nella giustizia, perchè so che di soldi non ne ho presi dalla Lega e quindi a ogni domanda verrà data la giusta risposta”.
”Non è che l’amministratore ha sempre fatto quello che voleva, perchè è sempre stato controllato, quindi non ci sono bilanci opachi: c’è un Consiglio Federale che è a conoscenza dei bilanci della Lega, anche di tutti i gruppi parlamentari e regionali”. Ha aggiunto il figlio del senatur, che era stato il primo tra gli eletti alle Regionali nella circoscrizione di Brescia.
”C’e’ un consiglio Federale”, ha sostenuto, “e ci sono sempre stati i probiviri che hanno potere di controllo sull’amministratore della Lega”.
”Anche la mia famiglia di soldi dalla Lega non ne ha mai presi, per esempio deve finire ancora di pagare la ristrutturazione della casa di Gemonio, perchè i lavori sono stati fatti quando papà era ancora in ospedale” nel 2004. E’ un’altra precisazione del figlio del leader della Lega Nord sulle dichiarazioni che Belsito avrebbe reso giustificando la distrazione di denaro dalle casse del partito.

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.