Quantcast

P.zza Arnaldo, il parcheggio a fine estate

La struttura ospiterà 300 posti auto, di cui 30 destinati ai residenti, con accessi separati. Conclusi i lavori, si potrebbe prospettare anche la pedonalizzazione.

(p.f.) Rush finale per il parcheggio di piazzale Arnaldo, che sarà fruibile entro la fine della prossima estate. Sono in fase di completamento le opere di fondazione lato sud, quelle strutturali di contenimento della rampa di distribuzione ai vari piani; in fase di montaggio le strutture prefabbricate di elevazione del lato nord.
Già si delinea quindi il profilo dell’opera. La struttura ospiterà 300 posti auto, di cui 30 destinati ai residenti, con accessi separati. Per l’ingresso ai quattro piani del parcheggio pubblico interrato è prevista una rampa elicoidale con accesso da piazzale Arnaldo. Su richiesta della Soprintendenza sarà mantenuta la storica cancellata già esistente.
A nord, invece, nel salto di quota tra la fossa ed il giardino pubblico di via Turati, ci sarà il parcheggio meccanizzato con due piani di box privati serviti da due monta-auto, a cui si accederà da via Turati. Costo complessivo dell’opera 8milioni e 800mila euro. “I nuovi 300 posti auto si aggiungono ai 200 del Goito”, ha commentato l’assessore Mario Labolani, “in questo modo diamo completa copertura ai tanti cittadini che frequentano questa zona e il centro storico”.
Conclusi i lavori, si potrebbe prospettare anche la pedonalizzazione della piazza. “Un’opera attesa”, ha spiegato il vicesindaco Fabio Rolfi, “che permette di fare ragionamenti futuri su piazzale Arnaldo”. Resta ancora da decidere, invece, come allestire la superficie del parcheggio.
Due le ipotesi in campo: creare una superficie multitasking, con parcheggi a raso che consentirebbero comunque, all’occasione, di utilizzare l’area per manifestazioni o eventi; oppure destinare l’area ad uno spazio verde, un parco con giochi per i bambini.
“Siamo comunque soddisfatti”, ha aggiunto Valerio Prignachi, presidente di Brescia Mobilità, “perché stiamo consegnando al nostro committente un’opera importante, bella, che sarà utile alla città e che presto sarà ultimata”. “Stiamo lavorando sulla definizione delle tariffe”, ha concluso Giovanna Prandini, presidente di Sintesi, “ma abbiamo già raccolto prenotazioni per gli abbonamenti”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.