Quantcast

Contro le Pm10 un protocollo comune

Ora tutta l'area critica di Brescia si muoverà in maniera omogenea per contrastare lo smog in autunno e inverno. Resta l'incognita Triumplina.

(c.p.) Domenica ecologiche, dalle 8 alle 20, qualora il superamento della soglia di concentazione media delle Pm10 nell’atmosfera (50 microgrammi per metro cubo d’aria) in almeno tre delle quattro centraline dell’Arpa- in Broletto al Villaggio Sereno a Rezzato e Sarezzo- si protragga per 12 giorni consecutivi.
Allo scoccare del 18esimo giorno via alle targhe alterne dalle 9 alle 18 fino a una sensibile riduzione delle Pm10 per almeno due giorni consecutivi in tre delle quattro centraline. Questi i due punti fondamentali del protocollo d’intesa firmata oggi a Palazzo Loggia dal comune di Brescia con gli altri 19 comuni dell’ area critica più Castegnato nell’ambito dell’azione di contrasto al fenomeno dell’inquinamento atmosferico dell’aria da polveri fini.
Dopo un anno di riunioni, e qualche polemica di troppo, vede finalmente la luce un documento comune che mette d’accordo praticamente tutti. Sul tavolo resta però il nodo delle strade provinciali che attraversano ad esempio nei paesi della Val Trompia che hanno sottoscritto l’accordo. Chi decide il blocco su quei tratti stradali? La Provincia o la Prefettura?
“Ancora non si è ben capito”, ha spiegato il sindaco di Concesio Stefano Retali, “se non verranno stabilite una volta per tutte le competenze saremo noi sindaci a decidere, con intelligenza e nel rispetto dei nostri cittadini, quali tronconi delle provinciali saranno sottoposte alle limitazioni di transito”. Il protocollo ancora non è in vigore. ” Serve che ogni comune voti una delibera che lo renda valido”, ha spiegato Adriano Paroli, sindaco di Brescia e primo firmatario del documento d’intesa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.