Brescia, ordinanza del sindaco per risparmiare l’acqua

Irrigazione e annaffiatura permesse solo dalle 21 alle 8. Vietato lavare i cortili e i piazzali dalle 9 alle 21. Le macchine solo all'autolavaggio. Proibiti nuovi riempimenti di piscine private, fontane ornamentali, vasche da giardino.

Brescia. Considerata la carenza idrica che sta caratterizzando l’attuale periodo, il sindaco di Brescia Emilio Del Bono ha firmato, il 1 luglio, un’ordinanza per il risparmio idrico che prevede limitazioni per l’utilizzo dell’acqua potabile.
Su tutto il territorio comunale, con decorrenza immediata e fino al termine della criticità idrica (che sarà comunicata con revoca), è vietato il prelievo e il consumo di acqua potabile per l’irrigazione e l’annaffiatura di giardini e prati. Queste attività sono consentite esclusivamente dalle 21 alle 8. Vietato inoltre lavare i cortili e i piazzali dalle 9 alle 21, lavare veicoli privati (esclusa l’attività degli autolavaggi), il nuovo riempimento di fontane ornamentali, vasche da giardino e piscine private.
Il sindaco, inoltre, invita tutti i cittadini a utilizzare l’acqua potabile in maniera razionale e raccomanda di controllare il corretto funzionamento dei propri impianti idrici e irrigui per individuare eventuali perdite, utilizzare dispositivi per il risparmio idrico in casa (frangigetto per i rubinetti), usare lavatrici e lavastoviglie sempre a pieno carico, preferire la doccia al bagno, chiudere sempre l’acqua quando non serve, lavare le verdure dentro un contenitore anziché sotto il getto, non scongelare gli alimenti con l’acqua corrente, utilizzare l’acqua di lavaggio della frutta e della verdura per innaffiare le piante e in generale riutilizzarla ogni volta che si può.
La Polizia Locale e le Forze dell’Ordine controlleranno che siano rispettate le misure previste dall’ordinanza, l’inosservanza delle quali è sanzionabile con una multa da 25 a 200 euro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.