Quantcast

Brescia, insediato il nuovo prefetto Maria Rosaria Laganà

Il nuovo dirigente sostituisce Attilio Visconti, destinato a Bologna. 61 anni, sposata e con due figli, Laganà arriva dalla prefettura di Treviso. Nel suo curriculum anche incarichi alla Direzione beni confiscati alla mafia.

(red.) Si è insediata nella mattinata di giovedì 20 gennaio il nuovo Prefetto di Brescia, Maria Rosara Laganà, che sostituisce l’uscente Attilio Visconti, destinato alla sede di Bologna.
Nata a Melito di Porto Salvo, in provincia di Reggio Calabria, Laganà, 61 anni, sposata e madre di due figli, si è laureata in Giurisprudenza all’Università di Messina.

Ha iniziato la carriera come vice consigliere alla prefettura di Verona dove ha ricoperto anche l’incarico di Capo gabinetto dal 1995 al 2000.
Dopo la promozione a viceprefetto nel 2002, ha diretto l’Area “Rapporti con gli enti locali e consultazioni elettorali” e l’Area “Diritti civili e immigrazione”.
Da giugno 2006 a marzo 2007 ha ricoperto l’incarico di Responsabile
amministrativo presso l’Ufficio del Commissario Straordinario per l’emergenza ambientale nella Regione Calabria.
Successivamente ha ricoperto l’incarico di Viceprefetto Vicario presso la Prefettura di Pordenone e, da maggio 2008, quello di Viceprefetto Vicario presso la Prefettura di Messina.

Dall’11 settembre 2011 ha svolto funzioni dirigenziali, in posizione di fuori ruolo, presso l’Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata, con sede a Reggio Calabria, ricoprendo dopo la nomina a Prefetto – avvenuta il 17 dicembre 2013 – l’incarico di Dirigente della Direzione beni confiscati.
Nella seduta del Consiglio dei Ministri dell’11 giugno 2015 è stata nominata Prefetto di Pordenone.
Dal 23 luglio 2018 al gennaio 2021 è stata prefetto di Treviso.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.