Quantcast

Bergamo-Brescia Capitale Italiana della Cultura 2023: logo di Akòmi

(red.) Una lettera B, iniziale dei nomi delle due città che per la prima volta sono state scelte come duplice Capitale italiana della Cultura, che diventa un 3, evocativo del 2023, anno delle celebrazioni e dello slancio culturale di Bergamo e Brescia. Ma in un’altra chiave di lettura, resa possibile dall’uso di geometrie astratte, il segno grafico rosso suggerisce anche l’idea di una molla elastica che spinge le due città oltre i luoghi comuni che da sempre le accompagnano, quali città laboriose e pragmatiche, che solo pochi anni fa forse nessuno pensava potessero diventare capitali culturali dell’intera Italia. Sono queste alcune delle suggestioni sintetizzate nel logo scelto per Bergamo-Brescia Capitale Italiana della Cultura 2023. A realizzarlo, la bresciana Akòmi, agenzia di comunicazione, che ha partecipato alla gara bandita dalle due città per ideare il progetto di identità visiva e logotipo dell’evento.

Il logo sarà proiettato, a partire dalle ore 19 del giorno di Santa Lucia, 13 dicembre, per circa 2 mesi sulle facciate dei municipi di Bergamo e Brescia, Palazzo Frizzoni di piazza Matteotti nel capoluogo orobico, Palazzo del Monte di Pietà in Piazza della Loggia nel capoluogo bresciano, grazie alla collaborazione con l’agenzia di eventi bresciana SITU, attiva nella progettazione e realizzazione di eventi multidisciplinari, che con questo contributo permetterà al logo di essere fotografato e condiviso da bresciani e bergamaschi. Ad accendere i proiettori saranno i Sindaci delle due città: Giorgio Gori, accompagnato da Laura Castelletti, a Bergamo; Emilio Del Bono, affiancato da Nadia Ghisalberti, a Brescia. Sindaci e Assessore sveleranno anche due grandi installazioni (di 3 metri di larghezza x 3 metri di altezza e altrettanti di profondità) che, rispettivamente in Piazza Vittorio Veneto a Bergamo e in Piazza della Vittoria a Brescia, scandiranno i giorni fino alla conclusione dell’appuntamento della Capitale, alla fine del 2023.

Non solo: da martedì 14 il logo comparirà sui mezzi pubblici (bus, tram, metropolitana e bike sharing) dell’Azienda Trasporti Bergamo e Brescia Mobilità, alle fermate dei mezzi pubblici e alle stazioni, accompagnando la cittadinanza fino al grande appuntamento del 2023 e creando sempre più consapevolezza rispetto al prestigioso riconoscimento che le due città lombarde condivideranno tra poco più di un anno.

È stato scelto il logo di impatto più diretto e al tempo stesso il più dinamico. – commenta il sindaco Giorgio Gori Oggi la priorità è quella di fissare nella consapevolezza dei nostri cittadini l’appuntamento del 2023, così da vivere il prossimo anno come una sorta di lungo conto alla rovescia verso il nostro “anno della cultura”, iniziando a sottolineare l’alleanza e l’unicità di intenti tra Bergamo e Brescia. Questo aspetto è però destinato a diventare il vero cuore della comunicazione. Il logo che abbiamo scelto ha la versatilità per consentirci questa evoluzione: dalla data espressa con tratti semplici e colorati alla grande B rossa – il 3 di 2023 – che sovrappone le iniziali delle due città e si trasforma in un tratto semplice e facilmente memorizzabile, in grado di comunicare dinamismo e proiezione verso il futuro”.

Semplice, lineare ma efficace. – spiega il Sindaco di Brescia Emilio Del BonoIl logo di Bergamo e Brescia Capitale della cultura 2023 ben rappresenta la caratteristica della brescianità che più ci accomuna ai bergamaschi: la concretezza. Una concretezza che ci ha proiettato da città industriali a diventare simbolo della cultura in Italia e nel mondo. Un risultato su cui, solo qualche anno fa, in pochi avrebbero scommesso. Abbiamo dimostrato che, pur nella nostra solidità, sappiamo apprezzare la bellezza e l’estrema importanza della cultura e, soprattutto, sappiamo darle lo spazio che merita per far sì che anche i nostri concittadini possano goderne. Questo primo passo inaugura l’ultimo anno di lavoro che ci porterà ad aprirci all’Italia intera come orgoglioso simbolo di cultura.”

Colorato, vivace, immediato, comprensibile a tutti e nello stesso tempo ricco di rimandi profondi e di aperture a declinazioni variabili. Sono questi i tratti peculiari del logotipo ideato dall’agenzia Akomi per Bergamo Brescia Capitale Italiana della Cultura che più mi hanno colpito, perché sono gli stessi che stiamo infondendo a tutto il progetto del 2023” è il commento di Laura Castelletti, Vicesindaco e assessore alla cultura del Comune di Brescia. “Il dossier che stiamo costruendo e il palinsesto che lo declinerà intendono raccontare una capitale, composta da due città, che ne rispecchia la vitalità e lo slancio verso il futuro, ma che al contempo ne assume fino in fondo il profondo legame con la storia e con i valori più radicati. E’ un percorso in continua evoluzione, stimolante e coinvolgente. E da oggi lo diventa ancora di più, per tutti i bresciani e per tutti i bergamaschi, che potranno riconoscere e ritrovare il logo di questo eccezionale appuntamento in molti luoghi del loro quotidiano”.

La presentazione del logo Bergamo Brescia Capitale della Cultura – commenta Nadia Ghisalberti, Assessora alla Cultura del Comune di Bergamo – è il kick off, il calcio d’inizio che ci proietta nel vivo della progettazione del palinsesto del 2023, rendendo visibile a tutti la grafica che accompagnerà le nostre due città sulla strada del “crescere insieme”. Tra le tante proposte pervenute a seguito della call pubblica, quella che presentiamo oggi ha messo d’accordo tutta la Cabina di regia, ottenendo un consenso unanime. Il successo nasce dall’immediatezza delle forme e dei colori, e dall’originalità del motivo creativo, capace di dare vita a un’insolita linea grafica che appare dall’evoluzione di una lettera (la B che accomuna i nomi delle tue città) in un numero (il 3 dell’anno della capitale). L’auspicio è che tutti i cittadini si riconoscano in questo logo, espressione dello spirito di partecipazione che caratterizzerà il percorso di collaborazione tra Brescia e Bergamo.”

La descrizione del logo

La proposta progettuale si fonda sull’identificazione di un elemento semplice e lineare, la cui versatilità consente di fargli assumere di volta in volta differenti significati.

La forma è prima di tutto ispirata alla lettera B, iniziale condivisa dalle città di Brescia e Bergamo, ma è allo stesso tempo la cifra 3 di 2023, anno delle celebrazioni e dello slancio culturale di Brescia e Bergamo.

Il segno grafico, ricavato idealmente dalla curvatura di un elemento rettilineo, simboleggia la resilienza di due città che hanno sopportato un carico fisico ed emotivo pesantissimo. Un carico che le ha fatte curvare, ma sotto al quale non hanno mai ceduto, e che ha rinsaldato ulteriormente il loro legame.

Estrapolata dal marchio, la lettera B può venire completata e declinata in molteplici forme: una molla elastica… un gruppo di amici intorno a un tavolo… due persone che si abbracciano… un infermiere che esulta con le braccia al cielo perché il virus è stato sconfitto… una ballerina che danza in un teatro finalmente pieno… un homo preistorico di un’incisione rupestre.

Versatile e pieno di risorse, come le nostre città, il tratto rosso del marchio racconta anche le scienze e le tecnologie – diventando una resistenza elettrica e un alambicco – e la forza di un’idea, della ragione, tramite la luce sprigionata dal filamento di una lampadina. Ulteriori forme potranno emergere anche tramite un contest partecipativo.

Il marchio è pensato per essere presentato e introdotto nella versione comprensiva dell’anno 2023 in grafica – per costruire l’attesa verso l’anno delle celebrazioni – per poi spogliarsi progressivamente delle cifre e lasciare spazio al solo segno grafico, che potrà continuare a vivere e rappresentare i temi della cultura a Bergamo e Brescia anche negli anni successivi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.