Quantcast

Cattolica, riapre la mensa “Panorama” di via Tosio

La nuova mensa ha circa 80 sedute e potrà ospitare a regime circa 150-160 pasti su due turni. Locali rinnovati all'insegna della polifunzionalità.

Più informazioni su

(red.) E’ di nuovo pronta ad accogliere studenti, professori e personale amministrativo la mensa “Ristorante panorama”, di via Tosio a Brescia, ma con una veste completamente rinnovata. Gli ambienti sono molto luminosi, dotati di arredi funzionali posati su una nuova pavimentazione e da impianti multimediali alle pareti.

Lo sforzo messo in campo da Educatt e dalla direzione di sede si traduce nel claim “Cucina e idee, dove l’accoglienza è di casa”. Perché al Ristorante Panorama non si andrà solo a mangiare.
I nuovi spazi, infatti, si prestano a un uso polifunzionale e multimediale poiché sono stati concepiti con un impianto in grado di sincronizzare gli schermi presenti nelle sale, con copertura wifi. In questo modo potranno essere utilizzarli per eventi, convegni e soprattutto come sala studio nelle ore pomeridiane o come sale per riunioni varie.
La terrazza si affaccia sullo skyline con veduta della cupola verde acqua del duomo nuovo, la terza più alta d’Italia e il torrione del Piacentini, uno dei primi grattacieli in cemento armato degli anni Trenta, ora potrà ospitare nella bella stagione feste di laurea ed eventi.

“Si tratta insomma di un luogo che intendiamo “restituire” pienamente alla comunità universitaria e in generale alla città – precisa Elena Marta, presidente Educatt.In questo modo, dopo l’apertura della nuova sede a Mompiano, la Cattolica prosegue il proprio investimento sulla città, offrendo uno spazio polifunzionale, piacevole e soprattutto sicuro”.
La nuova mensa ha circa 80 sedute e potrà ospitare a regime circa 150-160 pasti su due turni. La gestione, come per il resto della ristorazione nella sede bresciana, è affidata alle Acli ma ora avrà un rapporto diretto con EDUCatt che controllerà qualità e sicurezza.

“Con la ripresa delle attività nel nuovo anno accademico la Fondazione EDUCatt – aggiunge Angelo Giornelli, direttore Educatt –  è stata chiamata come sempre a interpretare, creativamente e con intelligenza, il mandato dell’Ateneo. La riapertura della mensa, dopo uno stop forzato, è un’occasione importante per restituire alla comunità universitaria della storica sede di via Trieste ambienti completamente rinnovati e trasformati in una struttura nuova, utilizzabile anche per eventi, convegni e normalmente al pomeriggio come sala studio.”

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.